E’ andata così

se qualche tempo fa m’avessero chiesto “cosa farai da grande?” io avrei risposto senza esitazioni “il cardiochirurgo”
non sapevo cosa mi desse quella certezza, ma lo sapevo, e mi bastava

oggi… non lo so più
passa il tempo e mi rendo conto che la strada è sempre in salita
e nonostante mi continui a ripetere che la vita è come una ruota che gira, in giorni come questo si fa sempre più forte l’idea che questa ruota si sia bloccata in un verso contrario al mio, che non girerà mai dalla mia parte

quanto vorrei non ritrovarmi, in futuro, a dover dire “è andata così”

24h

24 ore

tante quanto bastano per pensare a dismisura

pensare a qualsiasi cosa

a qualsiasi circostanza

ore vuote di azioni, ore piene di pensieri

progetti, tanti progetti nella mia testa

tanto desiderio di eccellere, di diventare grande

davanti a me, una lunga strada infinita

ho messo via

ho sempre pensato che per mettere ordine e calma dentro se stessi, l’ideale sia mettere ordine anche nell’ambiente che ci circonda

quindi oggi ho messo via, o meglio ho letteralmente buttato un pezzo di passato.

ho tirato giù dagli scaffali tutto il materiale riguardante l’università e ho gettato via, pian piano tante cose

ho eliminato pile e pile di appunti

pagine e pagine di fotocopie

chili di carta che hanno appesantito questi lunghi anni di studio

scartoffie ricercate custodite e studiate con cura per far si che agli esami ogni professore si sentisse ripetere ogni parola spiegata a lezione

ovviamente ho conservato i libri

ho conservato la vera fonte di sapienza e non tutte le seghe mentali di certi “professori”

riguardando quelle montagne di materiale didattico quasi rabbrividivo al pensiero di tutto il tempo passato a studiarlo e ripeterlo ripeterlo e ripeterlo ancora

quante altre cose avrei potuto fare

quante altre persone avrei potuto conoscere

quanto tempo spensierato avrei potuto godermi

adesso, non importa

sono medico

e ne sono orgogliosa

dopo tutto… pensavo

… questa laurea in medicina è un pacco

6 anni di sacrifici, altri 6 mesi persi per l’abilitazione all’esercizio della professione e poi??

non puoi esercitare, nel senso che, è davvero dura trovare un lavoro per un giovane medico non specializzato.

sostituzione medici di base rarissime, guardia medica inavvicinabile in molte regioni, tranne che a natala e capodanno dove ti concedono il lusso di lasciare la tua famiglia per guadagnare qualcosina.

fare il medico del 118 ora sono passata  a cercare informazioni a riguardo, ma sembra l’ennesima opzione a tempo determinato e senza grosse speranze per il futuro

l’ultima spiaggia sarebbe la guardia in clinica privata, opzione che sinceramente non ho ancora approfondito del tutto.

oggi il mio umore è grigio come il tempo

 

happy new year

inizio anno un pò malinconico

tanti propositi da realizzare, ma tanto ancora da aspettare

oggi è il secondo giorno dell’anno ma non riesco ancora a lasciarmi alle spalle alcuni pensieri negativi riguardo gli obiettivi mancati.

Theme Song: Don’t look back in anger – Oasis

non resta che dirmi: Buon anno nuovo dottoressa

iniziare

perché l’alba di una nuova settimana a volte è difficile da affrontare

perché ti ritrovi nuovamente a doverti reinventare

ti ritrovi di nuovo a dover capire che cavolo dover fare

ti ritrovi ancora a pensare se la strada che segui è quella giusta o se sia il caso di cambiare direzione